Maceratese-PARMA (12-11-2016): Resoconto più foto del Gruppo Stampa
Domenica 13 Novembre 2016 12:32

Maceratese-PARMA (0-0) H.20:30

Sabato 12 novembre 2016 ci attende la trasferta di Macerata e noi, Boys Parma, riempiamo un pullman; con noi sono presenti quattro ragazzi degli Ultramarines Bordeaux della sezione dell’Alta Savoia.

 

 

Il ritrovo è fissato per pranzo, con il sole del sabato pomeriggio, partiamo verso le Marche per un viaggio di discreta lunghezza. Il viaggio scorre abbastanza tranquillo, salvo per un incidente piuttosto importante avvenuto in autostrada che comunque non comprometterà in nessun modo gli  orari che ci eravamo prefissati. Mano a mano che ci si avvicina a destinazione, arrivano le notizie sulle altre partite del nostro girone e, quando siamo praticamente arrivati, abbiamo la certezza che, in caso di vittoria, saremo primi in solitaria per la prima volta da inizio campionato. L’entusiasmo in noi cresce e, dopo le soste canoniche, raggiungiamo il punto di ritrovo che avevamo fissato con il Centro di Coordinamento e con gli ultras e i tifosi della Maceratese per consegnare loro i beni di prima necessità che avevamo raccolto la mattina prima di partire per donarli alle popolazioni colpite dal terremoto. Ad accoglierci troviamo tante persone di ogni età con la sciarpa biancorossa al collo, tutti visibilmente riconoscenti per il nostro gesto tanto semplice quanto apprezzato da tutti i presenti che, in più occasioni, ci applaudono sentitamente intanto che posiamo gli scatoloni con i beni che abbiamo raccolto tutti insieme. Nel frattempo riusciamo anche a mettere sotto i denti qualche salume locale, nonché qualche prodotto portato appositamente dai membri del Coordinamento. Quando manca poco più di un’ora alla partita, salutiamo i ragazzi con cui abbiamo condiviso questo bel momento di solidarietà per raggiungere lo stadio. Da subito notiamo che i controlli sul  nostro materiale sono quantomeno esagerati, infatti ci vengono fatte srotolare tutte le bandiere e gli striscioni. Dopo una lunga attesa all’esterno del settore ospiti, ci viene data l’autorizzazione per fare entrare solo un pezzo dello striscione dedicato alle popolazioni colpite dal sisma, infatti lo striscione recitava “le vostre radici più forti delle loro parole” ed evidentemente le forze dell’ordine locali non hanno gradito questo messaggio di pura solidarietà verso persone che hanno perso tutto. Inutile spendere parole per l’ennesima volta sulla vergogna di questi gesti prepotenti e inutili. Passando alla partita c’è davvero poco da dire, noi sugli spalti, nonostante il numero non ci aiuti di certo, facciamo di tutto per farci sentire e per colorare il nostro settore. Ci posizioniamo come sempre dietro allo striscione con le due stelle sopra al quale metteremo una bandierina degli Ultramarines portata dai quattro ragazzi che si sono sobbarcati tutto questo viaggio insieme a noi. Alla fine del primo tempo esponiamo uno striscione in memoria di Gabriele Sandri, l’11 novembre, infatti, era il nono l’anniversario della sua morte e ci pareva giusto, come tutti gli altri anni, onorare il suo ricordo a dovere dedicandogli anche un coro per non dimenticarlo. A metà secondo tempo esponiamo “vicino ai terremotati”, l’unica parte dello striscione di cui ci è stato autorizzato l’ingresso, accolto dagli applausi di ultras e tifosi locali che ci dedicheranno il coro “rispettiamo gli ultras di Parma” come in altre occasioni prima e durante la partita. In campo il Parma non riesce a imporre il proprio gioco e il risultato è uno 0-0 praticamente senza tiri in porta, questo punto ci mantiene vicino alla vetta ma, visti i risultati delle altre squadre, sa tanto di occasione persa per dare continuità ai risultati ottenuti ultimamente. Appena terminata la gara risaliamo sul pullman e, nonostante al ritorno le soste siano ovviamente meno dell’andata, arriveremo in sede dopo le quattro di notte,. Anche questa volta possiamo tornare a casa, piuttosto stanchi ma come sempre felici per avere onorato il nome di Parma, del Parma e dei Boys Parma 1977 ancora una volta in giro per l’Italia.


VIVERE ULTRAS PER VIVERE! PARMA E BORDEAUX ALE'!