Gli ultimi anni del presidente Ceresini e la prima promozione in A Stampa
Lunedì 17 Giugno 2013 11:14

Il 2013 è un anno importantissimo per tutti i tifosi del Parma Calcio, il 16 dicembre 2013 infatti, si festeggeranno i cent’anni della squadra della nostra città. Nel corso di questi mesi saranno tante le iniziative per festeggiare questo importante e fondamentale traguardo; il primo sarà la “Festa del Centenario” organizzata dal “Comitato del Centenario Parma Calcio” che si svolgerà a Ravadese il 6 luglio. In queste settimane ripercorreremo per tappe la storia della squadra della nostra città in modo da trasmettere, proprio come è stato insegnato a noi, l’amore da padre in figlio per i giallo-blu-crociati.

Il 6 luglio non mancare…c’è il centenario da festeggiare! Reggiano chi manca!

 

Con l'ingaggio del promettente allenatore Arrigo Sacchi nel 1985, la squadra avrà nuove soddisfazioni. La stagione 1985-'86 è infatti a tutt'oggi l'ultima del Parma in Serie C, campionato che vince dopo essere arrivato a pari punti con il Modena con il quale approda in Serie B, grazie a un gioco particolare "a zona" fino ad allora sconosciuto e che il tecnico di Fusignano apporterà più tardi al Milan cogliendo i massimi successi a livello internazionale. La promozione arriva all'ultima giornata con la vittoria per 2-0 contro la Sanremese al Tardini; in quella partita si deve registrare il primo gol con la maglia del Parma di Sandro Melli, protagonista poi della promozione in A e dei primi grandi successi della società.

L'anno successivo i gialloblù sfiorano la seconda promozione consecutiva arrivando a tre punti dal terzo posto che avrebbe significato la Serie A; la compagine di Sacchi elimina ilMilan dalla Coppa Italia.

Nel 1987-1988 sulla panchina ducale arriva il giovane allenatore cecoslovacco Zdeněk Zeman che con la squadra si rende protagonista di uno straordinario pre-campionato in cui vengono battute in amichevole al Tardini Real MadridRoma. Tali amichevoli sono state rese possibili grazie al nuovo sponsor del Parma (e del Real Madrid): la Parmalat di Calisto Tanzi che ne diverrà, qualche stagione più tardi, il proprietario. Si stringe, infatti, l'accordo tra le parti con un progetto preciso,ovvero quello di provare a portare la societa' calcistica nell'arco di tre stagioni nella massima serie, per poi cederla a titolo definitivo alla famiglia Tanzi. Tuttavia la partenza in campionato è negativa: il gioco "a tutto campo", "a difesa alta", e "a squadra corta" risulta fisicamente dispendioso per i giocatori a disposizione del tecnico boemo che viene quindi esonerato e sostituito dal più esperto (e con l'applicazione di schemi più semplici e concreti) Giampiero Vitali, il quale riesce a conquistare la salvezza (10º posto alla pari dell'Udinese). La stagione successiva è sostanzialmente la fotocopia di quella precedente con il club, allenato ancora da Vitali, che si piazza ancora al 10º posto.

La svolta per i gialloblù avviene nell'estate del 1989, quando ad allenare la squadra viene chiamato Nevio Scala che con la neopromossa Reggina, dopo un eccellente campionato, ha sfiorato la promozione in Serie A poi persa allo spareggio con la Cremonese.

Il Parma parte bene in campionato, ma dal 4 febbraio, dopo la morte improvvisa del Presidente Ernesto Ceresini che era stato ricoverato per il peggioramento delle sue condizioni di salute, la squadra accusa il colpo e crolla in classifica. Alla presidenza della squadra arriva per pochi mesi Fulvio Ceresini figlio di Ernesto. Il Parma ritrova gioco e punti e, a due giornate dalla fine, è al quarto posto con quattro punti di vantaggio sull'Ancona. Il 27 maggio1990 nel derby con la Reggiana con un 2-0 firmato da Marco Osio nel primo tempo e da Sandro Melli nel secondo, il Parma ottiene la sua prima storica promozione in Serie A, rendendo vano il contemporaneo successo dell'Ancona sulla Reggina.

[FONTE: Wikipedia]

 

Tessera Boys 1985-86

 

 

 

27 giugno 1986: Ceresini e Tanzi firmano l'accordo di sponsorizzazione tra la Parmalat e il Parma Calcio



 

Parma Calcio 1989-90

 

Festeggiamenti nello spogliatoio del Parma Calcio per la promozione in A


 

Festeggiamenti in campo per la promozione