No ai divieti di Trasferta! Stampa
La nostra Voce - 2010 / 2011
Martedì 08 Febbraio 2011 19:34

Scriviamo queste poche righe qualche ora dopo aver subito sulla nostra pelle l'ennesima forma di repressione. Sul sito dell'Osservatorio sulle manifestazioni sportive troviamo e leggiamo: Milan-Parma serie A del 12/02/2011 divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella Provincia di Parma!

E così, per la seconda volta in questo campionato, la trasferta al San Siro di Milano ci viene negata! Il motivo??? Bhè ce lo chiediamo anche noi: lo vorremmo conoscere (è pur sempre un nostro diritto, no?!?!) da chi prende tali decisioni, vorremmo rivolgere certe domande agli organi preposti che stabiliscono "Tu vai, tu no"!!! Spesso ci viene quasi da pensare che utilizzino l'antico e romantico metodo con i petali delle margherite! Ma allora cosa osservano, e in base a cosa giudicano? Siamo stati cattivi? Abbiamo parlato troppo? Abbiamo esposto troppo le nostre idee? Ma soprattutto ci domandiamo una cosa: a cosa servono questi assurdi divieti di trasferta? Vorremmo pensare che non solo noi BOYS ci poniamo queste domande, che anche tutti voi tifosi, normali e non, abbiate addosso quel nervoso e quella rabbia che sentiamo dentro di noi in questo momento! Seguire la propria squadra del cuore è un diritto di ogni tifoso e con l'entrata in vigore della Tessera del Tifoso sapevamo fin da agosto che sarebbe stato tutto molto più difficile, ma comunque possibile. La tessera non è obbligatoria e perciò ogni 15 giorni prendiamo biglietti in settori diversi da quello ospiti, per poter essere presenti al fianco dei crociati. Andiamo in settori diversi dalla curva ospiti, mescolati con i tifosi di casa... quasi chiedendo permesso, consapevoli di essere tifosi indesiderati; però poi la mentalità e il buon senso vincono su ogni forma di ignoranza. E ci rendiamo conto che siamo tutti dalla stessa parte e la pensiamo tutti allo stesso modo, la guerra che combattiamo è univoc a: siamo contro la Tessera e contro ogni forma di repressione, che vieta le libere manifestazione di ogni forma di tifo. Siamo stati puniti perché mercoledì dopo l'incresciosa ed ennesima gara disputata e persa contro il Lecce dal Parma, abbiamo deciso liberamente di contestare la squadra (l'allenatore primo su tutti) in modo civile ed educato, senza creare nessun tipo di problema di ordine pubblico. E' questo forse il vero motivo che ci vieta domenica prossima di essere presenti a Milano? Ora non possiamo neppure più contestare una squadra che dovrebbe rispettare e onorare la maglia che indossa e soprattutto i propri tifosi, visti gli innumerevoli sacrifici che facciamo per essere sempre presenti? Vorremmo rubarvi e chiedervi soli pochi minuti della vostra attenzione, che però sono importanti e fondamentali affinché ogni tifoso si senta in diritto di dire la propria contro questo assurdo provvedimento! Su diversi siti che si occupano del mondo ultras, tra cui www.boysparma1977.it, è stato deciso di lanciar e una campagna informativa comune, da realizzarsi senza sforzo ma solo tramite e-mail. Leggete con attenzione il testo che troverete nel link sotto citato e inviate e-mail alla mailing list che troverete, perché è giusto che ogni giornale, quotidiano, tutte le istituzioni ecc... vengano informati di quanto accade ogni domenica. Non lasciamo che sia solo il buon ministro Maroni a elogiare la sua creatura, ma cerchiamo di dare voce all'altra campana: la nostra! Quella dei tifosi! Quelli che mai nessuno ha ascoltato e preso in considerazione prima di mettere in circolazione cose che li riguardava personalmente. Se anche voi siete a favore delle Trasferte Libere e soprattutto siete stanchi di questa situazione, stanchi dell'inutilità oramai palese della Tessera del tifoso, fate sentire la vostra voce, al pari dei disagi che debbono sopportare tutti col oro che malvolentieri hanno deciso di sottoscriverla! Dire la propria opinione dovrebbe essere cosa lecita in un Paese che si definisce democratico e allora cerchiamo di "sfruttare" questo ormai stralcio di democrazia che ci viene lasciato. Scrivete anche solo poche righe a tutti i contatti che vengono proposti nel sito e dite la vostra, tifosi tesserati e non tesserati! Raccontate la vostra esperienza, spiegate se avete avuto tutte quelle agevolazioni che quest'estate vi avevano promesso sottoscrivendo la famigerata TDT.

E soprattutto dite: NO AI DIVIETI DI TRASFERTA!

 

INIZIATIVA COMUNE TRASFERTE LIBERE