La maglia del Gol di Crespo Stampa
La nostra Voce - 2010 / 2011
Lunedì 16 Agosto 2010 19:50

Quest’anno si celebra il decimo anniversario di quell’indimenticabile 9 gennaio del 2000 quando Hernan Crespo fece letteralmente esplodere il Tardini segnando a tempo ormai scaduto, al 92’, il gol all’odiatissima “Vecchia Signora” scippandole la vittoria che ormai si sentiva in tasca, dato che il Parma era rimasto in 9 a causa di due espulsioni.

 

Crespo con la maglia del suo GOLTra le emozioni, infatti, più belle che ogni parmigiano porta nel cuore di quel giorno è stato senza dubbio vedere ammutolita la miriade di gobbi che avevano seguito  fino a Parma la loro Juve, quella stessa Juve che proprio in quel periodo vinceva e stravinceva scudetti e coppe grazie alle abili “doti” di Moggi e la “sua banda”. Un gol che fece emozionare e riempire di orgoglio ognuno di noi. L’emozione di vivere uno dei più bei gol mai fatti a Parma proprio sotto la nostra amata Nord ad uno dei nostri peggiori nemici di sempre; l’orgoglio di vedere Parma, una squadra e una città, stringere i denti e combattere fino alla fine conquistando all’ultimo il sudato risultato. L’emozione e l’orgoglio che ha saputo trasformare il Tardini in un’autentica polveriera che al momento giusto è esplosa in un boato e in una bolgia che resterà storica per chiunque abbia avuto la fortuna di vivere quel momento. Noi Boys ricordiamo quel giorno, e soprattutto quel gol, come un esempio e un simbolo di quel calcio che, anche se già malato, tanto ci piaceva, dove in campo scendevano undici giocatori disposti a lottare per la maglia e gli spalti incandescenti che li sostenevano con passione. Quella passione che ormai leggi repressive e anticostituzionali han rovinato colpo su colpo, privandoci tutti di un patrimonio che era nostro di diritto, ereditato da una sana tradizione popolare che evidentemente ora risulta troppo scomoda per il tipo di società odierna, basata sul soldo e sulla speculazione di ogni genere. Per questo motivo e per l’affetto che proviamo nei confronti di quel momento abbiamo deciso di celebrarlo facendo una maglia che sul fronte raffigura l’azione del bomber argentino e sul retro la memorabile radiocronaca del gol, di Carlo Chiesa. Oltre a metterla in vendita nel nostro “baracchino” a disposizione di tutta la curva abbiamo deciso di regalarla anche al protagonista del gol, Hernan Crespo. Questo gesto non tradisce la nostra decisione presa ormai anni fa di non idolatrare i giocatori spesso considerati dal gruppo come mercenari del pallone non più capaci di provare sentimenti di attaccamento alla maglia, ma intende rendere partecipi ancora una volta, come dieci anni fa, tutti i protagonisti di quell’impresa, il bomber e l’intera Curva Nord.

Ci teniamo a sottolineare che l’intero incasso della vendita del materiale serve a finanziare le attività del Gruppo, da tenere aperta una sede a provare a tifare ancora, anche oggi dove al calcio servono clienti e non tifosi.

E in memoria dei bei tempi che furono… LA VECCHIA SIGNORA L’HA PRESO IN CULO ANCORA!


Per tutti, un video ricordo preso dalla rete: