Coppa Italia PARMA-Pisa (12-08-2018) PDF Stampa E-mail
Giovedì 16 Agosto 2018 18:36

PARMA-Pisa (0-1) H.20:30

La calura del 12 agosto scorso è andata di pari passo con molti fatti aventi il nostro Parma Calcio come epicentro, in primis (risalendo fino alla fine della primavera) la promozione in Serie A, in secundis le infamanti accuse (orchestrate da coloro che cedono alla diffamazione per sopperire alle proprie carenze gestionali) di fantomatici accordi, tra giocatori, prima dell'avvenire di Spezia-Parma (in seguito smentite dall'autorità giudiziaria sportiva), fino al giungere della prima vera gara effettiva nella nuova stagione 2018/19, contro il Pisa, un avversario storicamente antagonista fin dalla metà degli anni '80 (periodo in cui gli impavidi della Nord sottrassero uno stendardo ai toscani).

 

 

 

Dato il periodo, si sarebbe potuto pensare che in pochi avrebbero risposto alla chiamata ed invece è stato buono il numero di unità distribuite tra la tribuna e la Curva, quest'ultima addobbata, come di consueto, con striscioni e stendardi, esaltata dai bandieroni al cielo e conclamata dai suoi abitanti, gridando il proprio credo nonché scandendolo a suon di battimani. Tuttavia ci teniamo ad evidenziare che la prestazione sia stata solo più che sufficiente, pertanto invitiamo tutti quelli che s'identificano nei colori del Parma a sostenerlo, seguendo il Gruppo nella coordinazione del tifo, perchè (lo ribadiremo sempre) l'apporto fornito da esso è fondamentale al conseguimento della vittoria, in quanto libera espressione d'amore, esternata da persone volenterose di testimoniare (oltre il risultato) il proprio sentimento. Dirimpettai alla Nord, 1500 pisani hanno manifestato compattamente il loro ardore per la città della torre, cantando (quasi) senza sosta, operando una coreografia con le bandierine, sventolando i bandieroni ed accendendo numerose torce, nonché, a testimonianza della loro coscienza da ultras (attitudine non facile da professare, nell'ex repubblica marinara, a causa dei notevoli atti repressivi compiuti dalla questura negli ultimi anni), esponendo uno striscione in ricordo del Bagna (applaudito da tutto lo stadio). Sul prato verde le squadre si sono affrontate, tra affondi e rincorse, in maniera equilibrata, ritmo in cui solo il Pisa è riuscito a bucare la porta (ad opera di Zammarini, al 28') ed a nulla sono valsi gli attacchi del Parma (soprattutto nell'ultima parte del secondo tempo), tuttavia vogliamo comunque augurare ai crociati un buon campionato (come espresso dagli applausi (sovrastanti alcuni fischi) a fine partita), fiduciosi affinché trovino quanto prima la giusta alchimia e conseguano un risultato positivo al termine di quest'ennesima lunga impresa. Ad ormai notte giunta e terminato l'incontro, ognuno ha fatto ritorno a casa propria, tranquillamente come quando ne era uscito, consapevole di aver vissuto un giorno in più quel luogo di aggregazione e confronto che è lo stadio.

BOYS PARMA 1977!