In anteprima dalla fanzine di PARMA-Brescia (Boys) PDF Stampa E-mail
Venerdì 08 Settembre 2017 16:12

Oggi in occasione della partita Parma – Brescia, vogliamo riproporre a distanza di quasi 10 anni un piccolo amarcord della trasferta della stagione di serie B 2008/2009. Quel giorno, come molti di voi ricorderanno, è stata organizzata una trasferta “di massa”, nel senso che si era voluto coinvolgere tutta la vecchia guardia della Nord, dando il via ad un percorso di unificazione, passando per i 35 anni, che ci ha portato fino ai giorni nostri e che ha gettato le basi dell’attuale formazione della Curva Nord Matteo Bagnaresi.

 

 

Nel gruppo dei Boys, nel corso degli anni c’è stata discontinuità tra le varie generazioni al comando della Curva, a cominciare dal primo direttivo che passò lo scettro dopo i fatti del 4 maggio ’86 ai successori; una discontinuità che nostro malgrado ci ha portato a non conoscere completamente la nostra storia e le persone che l’hanno scritta, come se ogni volta si chiudesse un capitolo e se ne aprisse uno nuovo. Ebbene, in quell’anno difficile, all’alba del primo fallimento, abbiamo saputo fare di necessità virtù, chiamando a raccolta tutti i vecchi Ultras, le compagnie e tutte quelle persone che negli anni d’oro del movimento Ultras hanno partecipato attivamente, alla vita dei Boys, per fare blocco e affrontare le avversità che una retrocessione comporta. Riteniamo appunto che quella precisa trasferta sia stata fondamentale soprattutto per il modo in cui poi abbiamo affrontato il post-Ghirardi, la serie D e la serie C. Se quella volta Parma non avesse risposto, oggi non saremmo sicuri che le cose sarebbero andate nello stesso modo. Da quell’idea di riunire la Nord, da quella voglia di conoscersi tra i vari direttivi, è nato qualcosa che a Parma non c’era mai stato e che ha portato nuove e vecchie generazioni al confronto costruttivo, contribuendo alla crescita delle nuove leve e all’ ‘aggiornamento’ di quelle vecchie, che si sono ritrovate in un mondo Ultras ben diverso da quello degli anni ’80. Nel rendere merito alla Nord di tutto questo, oggi ne approfittiamo per ringraziare chi ha appoggiato questo progetto ancora in divenire di una nuova unità cross-generazionale, che ha come obbiettivo quello di crescere e di aggredire qualunque situazione d’ora in poi metta in difficoltà il nostro Parma, proprio come stiamo facendo adesso. Con l’aiuto di tutte le generazioni, torneremo al posto che ci spetta, spalla a spalla, il giovane col vecchio… CARICA CURVA NORD!